elettrosmog storia di ordinario declino di una civiltà patrimonio ambientale

il comitato di Varese per le scelte consapevoli

PER CONTATTARE IL COMITATO onde@ombrettadiaferia.com

________________________________________________________________________________

si ricomincia da capo dopo sette anni

________________________________________________________________________________

abbattuti 16 vigorosissimi tigli ottuagenari contro ogni tutela del patrimonio ambientale!

rimuovere 16 tigli significa rimuovere la capacità della vegetazione di svolgere una funzione naturale sostituibile solo da oltre 16 condizionatori d'aria.

oltre il danno ambientale, la beffa di un ulteriore spreco di energia!

questa è la realtà dei fatti

foto di Patrizia Broggi

                               questa è la soluzione più semplice

FIRMA

per rivendicare il diritto civile di partecipare all'evoluzione della nostra città e dialogare con le nostre istituzioni sul loro operato

____________________________________________________________________

Drizza le antenne chiede chiarimenti sulla scelta operata in Via Trentini
il comitato di Casbeno vuole conoscere permessi e modalità che hanno portato all'abbattimento di 16 vigorosissimi tigli ottuagenari per costruire un parking multipiano da 270 posti, di cui solo 100 per la cittadinanza. A pagamento!

__________________________________________________

un anno di attività del comitato cittadino per la corretta informazione
"drizza le antenne" si è impegnato sulle scelte inconsapevoli delle amministrazioni,
senza dissipare danaro pubblico in denunce sull'operato.
 
 
 
Varese 22 dicembre 2007
 
Il comitato cittadino "drizza le antenne" ha investito un anno di lavoro per portare corretta informazione alla cittadinanza.
 
Sorto dopo l'installazione selvaggia dell'impianto radiobase presso il cimitero di Casbeno il 27 dicembre 2006, il gruppo di cittadini conta oltre 1000 sostenitori di un progresso a misura d'uomo.
La massiva raccolta di firme presentate nel gennaio 2007 per fare chiarezza sull'operato di amministrazione comunale e gestori di telefonia in termini di inquinamento elettromagnetico, ha avviato la costituzione di una rete fattiva che oltre a partecipare alla consulta comunale sull'elettrosmog, collabora con reti nazionali come l'associazione elettrosensibili, la ReTe toscana, Conacem e Apple.
Il primo risultato ottenuto, dopo le varie convocazioni presso le Commissioni preposte, è stato relativo al riconoscimento da parte del Comune di Varese di non aver rispettato i vincoli ambientali e cimiteriali. L'amministrazione, quindi, si è posta in autotutela e le Commissioni congiunte dell'Assessorato all'Ambiente ed all'Urbanistica hanno ceduto sul blocco del piano di localizzazione dei gestori di telefonia per il 2007.
 
Un anno di lavoro puntuale e faticoso da parte di un comitato costituito da figure professionali di ogni tipo, che oggi, proprio sotto natale, è impegnato sulle osservazioni del nuovo piano di localizzazione 2008, pubblicato il 19 dicembre 2007 presso l'albo pretorio.
La situazione prospettata, però, è la medesima dello scorso anno: 24 le aree individuate, di cui solo 4 nella circoscrizione 2, quella di riferimento primario per "drizza le antenne": l'obiettivo delle osservazioni in atto, a cui il comitato invita tutta la cittadinanza, infatti, è relativo a vietare ogni altro tipo di installazione nella vecchia castellanza di Casbeno, ma soprattutto, di sensibilizzare la cittadinanza sulle operazioni connesse a tale piano.
Varese ha un'ottima copertura di rete per quanto riguarda la telefonia cellulare, mentre i nuovi sistemi sono volti a diffondere internet e la tv sui telefonini.
La necessità di mercato è legata ai nuovi eventi che interesseranno la città nel 2008 e "drizza le antenne" vuole invece far soffermare le amministrazioni sulla possibilità di esigere controlli ed applicazioni di tecnologie all'avanguardia che tutelino la salute pubblica.
In tutto il mondo si stanno perseguendo scelte consapevoli, che tengano conto delle patologie connesse all'elettromagnetismo:
Nel 2008 il comitato "drizza le antenne" sarà impegnato anche su ulteriori aspetti connessi ed aggravati sempre da scelte inconsulte: l'installazione dell'impianto radiobase veniva mitigato da un'area verde, dove tigli vigorosissimi ed ottuagenari compensavano diverse problematiche, determinate da cambiamenti ambientali, elettrosmog, inquinamento. 
Il 12 novembre la Provincia di Varese abbatte 16 di queste piante perché infastidivano i progetti di costruzione del parcheggio multipiano. L'area era bloccata dal 1993, ma grazie al grande evento dei mondiali di ciclismo 2008 a Varese, come in altre aree della città, si è riusciti ad operare lo scempio ambientale: Varese per godere di 100 posti in più a pagamento, dovrà affrontare una nuova emergenza ambientale e microclimatica.
 
Drizza le antenne dal 23 novembre sta effettuando una raccolta firme per chiarire estremi e modalità di questo danno al patrimonio cittadino per cominciare a presentarle prima della fine del 2007.
 
E gli auguri di buon 2008 giungeranno a ruota libera per continuare a diffondere una corretta informazione sul nostro futuro, sacrificato sull'altare del progresso

___________________________________

svegliarsi una mattina e scoprire di non avere più diritto a ciò che si è scelto

Questo era ciò a cui eramo abituati. E che avevamo scelto: la castellanza più antica della città. Svegliarsi al mattino abbracciati dal Monte Rosa che si specchia nel lago di Varese. Fino al 27 dicembre 2006.

Poi l'amministrazione comunale ci ha fatto un regalo: un'enorme antenna alta 40 metri ed atta ad ospitare diversi operatori telefonici. 

 

Questa, invece, è la visione a cui la nostra amministrazione ci obbliga. Senza neppure chiederci se siamo d'accordo.

Una domanda sorge spontanea: perché?

Non abbiamo diritto di scegliere dove e come vivere?

La scoperta che i vincoli cimiteriali e paesistico-ambientali non erano stati rispettati, fa nascere spontaneamente un comitato che rivendichi il diritto di conoscere le scelte degli amministratori in tema di patrimonio ambientale, culturale e storico e sensibilizzare gli animali umani sull'insensatezza di una civiltà in declino...

questo è solo l'inizio della storia...

informazioni più dettagliate su elettrosmog

onde@ombrettadiaferia.com